Omega 3

Omega 3

Omega 3

Amici di cuore e cervello, aiutano a ridurre il livello dei trigliceridi e la pressione: come assumerli?

Lidia Rota Vender
• Specialista in Ematologia e Malattie Cardiovascolari da Trombosi
• Presidente di ALT, Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari Onlus
> trombosi.org

C’è un alimento che più di altri può essere un vero toccasana per la salute: il pesce, ricco di Omega 3. Si tratta di acidi grassi “buoni” che proteggono arterie, cuore e cervello in quanto limitano eventuali infiammazioni nel corpo. Un apporto regolare di queste sostanze contribuisce a ridurre il livello dei trigliceridi nel sangue, a diminuire la probabilità di ictus cerebrale, quella di scompenso cardiaco e di aritmia da fibrillazione atriale. Non solo, gli Omega 3 riducono la pressione sanguigna negli ipertesi, rendono il sangue più fluido e scorrevole e diminuiscono la probabilità di incorrere in una trombosi.
I pesci più ricchi di Omega 3 sono il salmone, la trota di lago, l’aringa, il tonno (il cui consumo, se in scatola, non dovrebbe superare i 170 gr alla settimana), lo sgombro, le sardine ma anche alcuni frutti di mare.

La porzione raccomandata per un adulto è circa di 100 gr di pesce due volte alla settimana. La Food and Drug Administration, però, raccomanda alle donne in gravidanza o che la stanno cercando, alle mamme che allattano o ai bambini molto piccoli, di limitare tale consumo per evitare di incorrere in eventuali danni provocati dal mercurio di cui il pesce, come noto, è portatore. Il mercurio, infatti, potrebbe interferire sullo sviluppo delle cellule, soprattutto cerebrali, dei bambini più piccoli o degli embrioni. Su un adulto, invece, il rischio legato alle piccole quantità di mercurio o di altre sostanze tossiche è decisamente inferiore rispetto al beneficio apportato dagli Omega 3.

Gli Omega 3 sono grandi amici di cuore e cervello. Si trovano soprattutto nei pesci – anche in quelli di allevamento – che ne sono più ricchi rispetto ad alimenti come l’olio di semi di lino, le noci, i germogli e l’olio di semi di soia. Attenzione però alla cottura, che potrebbe trasformare anche il pesce più innocuo e benefico in un avversario della nostra salute. Meglio prediligere cotture al forno, a vapore, al cartoccio o alla griglia. Inoltre, sarebbe meglio scegliere pesci piccoli e “giovani” che hanno immagazzinato meno mercurio e tossine. Tra i migliori il salmone, di cui si consiglia di consumare al massimo 340 grammi alla settimana. Da evitare, invece, i pesci più grandi come squalo, pesce spada e sgombro reale.

Per saperne di più sugli Omega 3, la salute del cuore e l’Agenda di Alt 2019:
trombosi.org


Fonte: rivista Pharma Magazine Gennaio 2019


Foto © Depositphotos.com

Related Posts

facebook googleplus twitter

How to Use Sliding Panel?

Go to Appearance → Widgets and publish some widget in Sliding panel widgets position.